Indirizzo: Via G. Carducci, 61, 55042 - Forte dei Marmi (LU)
Sito web: http://www.ristorantelorenzo.com/
Prezzi: €100
Condividi:   

Sommario

Forte dei Marmi (LU) – Ristorante da Lorenzo

settembre 2005 - Ventiquattro - Il Sole 24 Ore - Ristoranti Toscana

A dover scegliere una categoria, lo metterei senz’altro in quella dei locali “antropologicamente interessanti”: ristoranti che, a parte il prezzo, la qualità del cibo e degli arredi, e la calca da fendere per ottenervi un posto a sedere, si segnalano per esser frequentati da una fauna gustosa quanto un piatto ben riuscito; e dei quali si conserva il preciso ricordo di portate e clienti che si spera di poter tornare ad assaggiare e osservare.
Siamo da Lorenzo, ristorante di Forte dei Marmi tanto rinomato che bisogna prenotare con giorni d’anticipo. Rinnovato di recente, ricorda gli ambienti di certe ville di facoltosi industriali: i ghirigori finto-antico sul soffitto, le eleganti sedie in midollino, il trompe l’oeil, alcuni bei quadri figurativi, la vetrinetta con l’argenteria, un paio di vetrate-separé satinate con disegni color rame, una simpatica scultura raffigurante una gamba che termina in un becco di cormorano stretto intorno a un pesce. Insomma: un’atmosfera di decoro lussuoso, per nulla fredda e anzi confortevole. C’è una sala principale molto scenografica e con cucina a vista; ma noi, purtroppo, siamo finiti nella saletta per fumatori, separata da una porta a vetri automatica, che ogni volta – per il lieve ritardo con cui si apre – fa temere che qualcuno ci si schiacci, come gli uccelli sulle barriere antirumore dell’autostrada. Tant’è che verso mezzanotte abbiamo sentito uno schianto agghiacciante: diretta con un passo po’ troppo spedito alla toilette, una signora era stata intercettata dalla porta, e vi aveva lasciato sul vetro l’impronta del viso, a mo’ di sindone. Altro problema, e subito la finiamo con i dettagli negativi, è quello del rumore: purtroppo chi ha curato il restyling non ha fatto abbastanza per ridurne la propagazione. A locale pieno, per comunicare col cameriere, bisognava aspettare che si chinasse vicino alle nostre orecchie. Ciò detto, il resto è stato divertimento del palato e dell’occhio. Gli antipasti di pesce, sia i crudi sia i cotti, sono ottimi: squisiti gamberini-embrione fritti, carpaccio di triglia, crema di gazpacho con scampi, una fragrante insalata di mare tiepida con asparagi e pomodoro, tartare di gallinella… Frattanto, il patron del locale, un bell’uomo di mezz’età con fare da seduttore e capelli tinti d’un biondo-cipria quasi rosato, si esibiva in una scenetta per cui va famoso: la maionese fatta a mano sotto il naso del cliente. Imperdibili le bavette cotte “sul pesce”, impeccabili il fritto e i calamaretti al forno. C’è anche un menu di carne, che però non abbiamo assaggiato.
Sul tardi, smaltiti un po’ di clienti, il patron ha offerto qua e là (anche a noi che avevamo già pagato) bicchieri di Sassicaia e fette di squisito salame. A un tavolo qualcuno si è detto preoccupato di bere troppo. “Non c’è problema, l’importante è stare bene” ha ribattuto lui con il tono suadente dell’inveterato conquistatore di clienti, turiste, bambini e qualsiasi altra cosa si muova.
Conto appena superiore ai 100 euro, ben articolato (separa “totale cucina” e “totale cantina”), e cui viene allegato un opuscolo con sei ricette classiche del locale. Finisce che ci si trova nel cuore della notte con la voglia di correre al mercato e poi mettersi subito ai fornelli.

Ristorante Lorenzo, via Carducci 61, Forte dei Marmi. Tel.: 058 4874030

Alcune immagini e testi di questo sito sono coperti da copyright e ne è proibito qualsiasi utilizzo salvo esplicito consenso scritto.