Indirizzo: Piazza della Scala 5, Milano
Sito web: trussardiallascala.com
Prezzi: €50/120
Condividi:   

Sommario

Milano – Trussardi alla Scala

aprile 2013 - Sette - Corriere della Sera - Lombardia Ristoranti

Qual è il tallone d’Achille della cucina contemporanea? Che non ti affezioni perché non ricordi cos’hai mangiato. Composizioni così belle e buone e artistiche, e così lontane da ogni riferimento consolidato nella tua memoria, che la loro impressione si dissolve subito dopo averle assaggiate. Ma a Milano, da Trussardi Scala, il ristorante più bello della città per via della vista e degli interni, avrete la piacevole sorpresa di riuscire a mantenere il ricordo dei piatti che più vi sono piaciuti. Perché Luigi Taglienti, pur avendo fatto tutta la trafila dello chef contemporaneo (ha lavorato in Italia e all’estero, ha conquistato una stella Michelin a Cuneo, si esibisce nelle infinite fiere del gusto), non soffre di quella specifica ansia da prestazione che spinge molti cuochi di talento a proporre piatti cervellotici e spesso strampalati. Taglienti, con tutte le sue tecniche e le sue invenzioni, sa darvi il sapore di qualcosa che conoscete e ricorderete: provate il “totano ai ferri e condimenti di un totano ripieno in salsa diavola”; gli spaghetti al sugo di cima di rapa, scampo alla plancia, mollica e bottarga di muggine; il riso mantecato al limone, acciughe e cardamomo; la spigola al vapore e rabarbaro; le composizioni di frutta e verdura…

Difetti? In cucina, niente da segnalare. Notata semmai una certa fretta nello sparecchiare, e notato l’aperitivo-trappola (se ve lo offrono, ricordatevi che non è offerto, e potrebbe alzarvi il conto di 25 euro). Quanto ai prezzi: all’ora di pranzo potete provare il brivido dell’alta ristorazione con due portate, acqua e caffè a 50 euro, oppure tre a 65. I menu degustazione sono da 130 euro (7 piatti) e 150 (12 piatti).

Alcune immagini e testi di questo sito sono coperti da copyright e ne è proibito qualsiasi utilizzo salvo esplicito consenso scritto.