Cerca...

Indirizzo: Via Bartolomeo Eustachi, 17, 20129 - Milano
Telefono: 0229406797
Sito web: http://www.poporoyamilano.com
Prezzi: €16/25

Sommario

Milano – Poporoya

Maggio 2012 - Sette - Corriere della Sera - Ristoranti Lombardia

Fermo, fisso, frontale come un’icona bizantina, eppure è giapponese. Hirazawa Minoru, detto Shiro, sta da quasi trent’anni dietro il banco-vetrina di Poporoya. Lo vedi sempre a mezzo busto, intuisci la frenesia delle mani che tagliano, arrotolano, appallottolano e comprimono sotto la linea del banco del sushi, ma non lo vedi mai per intero né di sbieco, e soprattutto non lo vedi invecchiare: la sua faccia è come cristallizzata in un eterno sorriso da bambino divertito. Quando, nei primi anni ’80, ho cominciato a essere curiosa di cucina giapponese, a Milano c’erano solo due ristorantoni troppo costosi e Poporoya, piccolo alimentari (rafano, birra, sake, tofu e stranezze in busta) con banco sushi. All’epoca la parte negozio era un po’ più grande; poi, con gli anni, si è ristretta per lasciar spazio a una quindicina di posti tra bancone e microtavolini: il massimo umanamente possibile per un solo sushiman che prepara tutto al momento, senza fermar le mani un secondo. Si fa la coda, si sta compressi, e una volta che si conquista un posto a sedere si viene serviti subito e non c’è poi tempo per dilungarsi in chiacchiere, perché ci sono altri che aspettano. Dopo un po’ i frequentatori li conosci quasi tutti, perché sono in gran parte habitué.

Nel frattempo, mentre da Poporoya avvenivano questi impercettibili cambiamenti, fuori cambiava tutto. Scoppiava la sushi-mania: in mancanza di ristoratori e cuochi giapponesi, gli italiani e i cinesi si buttavano nel business del sushi; per inesperienza e abbondanza di richiesta venivano serviti a caro prezzo pesci allevati in economia e trattati in modo dilettantesco, con riso colloso e stracotto, il tutto trasformato in sushi ore prima di essere servito; persino i banchi frigo dei supermercati si riempivano di scatolini con il sushi e le casalinghe inquiete frequentavano corsi di cucina fusion o giapponese; a Milano sbarcava la celebrity Nobu, seguita dai suoi molti epigoni. Ma io continuo ad andare da Poporoya, e patire un po’ della sua (divertente) scomodità. Perché Shiro è stato uno dei precursori della cucina giapponese in Italia, dove è arrivato dopo essersi diplomato presso una prestigiosa scuola di cucina di Osaka, ed è anche stato il primo a importare dalla Francia l’indispensabile (per il pesce crudo) abbattitore di temperatura. Perché non è fusion né fashion, ed è un grande esperto di pesce e selezionatore di materie prime di qualità (dal riso al tè hojicha, passando per orate, ricciole, aragoste, polipi, calamari, uova di salmone, uova di pesce volante, uova di merluzzo…).

instagram default popup image round
Follow Me
502k 100k 3 month ago
Share